Angela Cavelli

psicoanalista e scrittice...
un sito per leggere, sognare, condividere...

Come sono noiosi quando parlano di Te
e Ti rispettano solo a parole…
E Dio disse: "È ora di piantarla
di rifilare minestre divine".
Non aggiunse altro perché si addormentò.
di Angela Cavelli

Poesie

pensieri sfuggiti di nascosto,
che diventano...

Giovedì 16 Ottobre, 2003
Ecco, sei arrivato
alla porta:
ti ho aperto, ma brontolavo.
Ho abbassato la testa
e me ne sono andata,
via, da te.
Perché?
Era fragile ancora,
ma diventerà rocciosa
e i gabbiani se ne serviranno.
Poi hai scritto
perché è per me che scrivi.
Hai scritto di Lui,
di un amico,
di un affetto,
di un parente stretto.
Perché se lui mi fosse
indecifrabile,
erano anni che lo seguivo,
io ne morirei.
Posta un commento